26 agosto 2016

Recensione: Torta al caramello in Paradiso - Fannie Flagg

Buon venerdì lettori!
Durante le vacanze, anzi proprio nei due giorni a cavallo di Ferragosto, ho avuto il piacere di riprendere in mano il libro di una autrice che ho molto amato  in passato, Fannie Flagg. Piano piano sto leggendo tutti i suoi libri (anche s ere ne mancano ancora diversi... ma piano piano...), anche perché hanno delle copertine bellissime. Oggi vi parlo di Torta al caramello in Paradiso.



Torta al caramello in Paradiso
di Fannie Flagg
Bur | Narrativa | 372 pagine
ebook € | cartaceo €10,00
10 giugno 2009


Trama. La vita è proprio strana... Lo può ben dire l'ultraottantenne Elner Shimfissle, che un momento prima si inerpica sulla scala per raccogliere i fichi dall'albero e un momento dopo si ritrova a terra, priva di sensi dopo essere stata punta da uno sciame di vespe. I vicini la soccorrono subito e la portano in ospedale dove purtroppo i medici non possono far altro che constatarne il decesso. Alla notizia, parenti, amici e l'intera comunità della cittadina di Elmwood Springs sono colti da un'infinita tristezza e da un rimpianto inconsolabile: con i suoi saggi consigli e la sua purezza di cuore quella generosa e intrepida vecchietta era stata un punto di riferimento prezioso per tutti. Iniziano i preparativi per il funerale e da tutto il paese arrivano fiori e condoglianze. Ma nessuno ha fatto i conti con la defunta... Elner, stesa su una barella in camera mortuaria, apre gli occhi con l'impressione di sentirsi molto meglio e, benché stupita che nessuno si accorga più di lei, si alza, esce dalla porta, percorre il corridoio fino a un ascensore, vi sale e, dopo un viaggio che ha dell'incredibile, si ritrova in Paradiso a vivere un'avventura che non si sarebbe mai aspettata, incontrando persone che non avrebbe mai creduto di poter vedere, esaudendo il suo grande sogno: domandare tutto ciò che ha sempre voluto sapere riguardo alla Vita. Ma forse la sua ora non è ancora giunta, ed Elner potrebbe tornare indietro, nel mondo dei vivi, a rivelare qual è il segreto della felicità.


"Bentornata tra i vivi, signora Shimfissle!"
Se ricordate bene nella recensione di Miss Alabama e la casa dei sogni via avevo detto che le storie della Flagg per me sanno sempre di buono. Come non sentire anche con questo libro, dal titolo quanto mai azzeccato, il profumo di torta che cuoce in forno? Lo so, fuori ci sono 30°C, siamo in piena estate eppure... Niente la Flagg per me sa di casa, di lenzuola appese ad asciugare, di gatti panciuti e pigri che dormono all'ombra, di strade tranquille e aiuole fiorite. Le sue storie sono un mito, una chimera, l'ideale di una vita che forse non mi apparterrà mai ma che mi fa sempre piacere sbirciare tra le pagine dei suoi libri. 

Questa volta incontriamo Elner, anziana signora di Elmwood Springs. Elner è una simpatica donnona, rimasta vedova troppo presto, che ha la speciale caratteristica di essere amica di tutti e amata da tutti. Tutti quelli che incontriamo nel racconto hanno un moto di riconoscenza per questa simpatica signora che non fa altro che dare da mangiare agli uccellini, guardare i tramonti con gli amici e preparare marmellate di fichi. Proprio qui inizia la storia, ai piedi del fico che Elner ha in giardino e su cui si è arrampicata per cogliere i preziosi frutti. Punta da uno sciame di vespe, la signora cade e non si riprende, viene data per morta e la costernazione per la sua dipartita è generale. Perché Elmer avrà pure una certa età (quale esattamente non si sa, perchè la Bibbia della madre è sparita) ma nessuno pensava potesse morire così, dall'oggi al domani. Eppure... non è che Elner sia proprio morta morta...

Come sempre la Flagg ha la grande capacità di costruire queste comunità piccole e speciali, in cui ci sono ancora quei cenni di gentilezza e buon vicinato che altrove purtroppo sono spariti. Ad Elwood Springs tutti si conoscono e nel momento in cui Elner muore la notizia dilaga a macchia d'olio e tutti sono sinceramente dispiaciuti. Ma soprattutto tutti hanno un episodio di cui essere grati alla vecchia signora: chi ha avuto un prestito per studiare, chi un porto sicuro a cui approdare, chi una voce amica che ascoltasse un problema. Questo è Elner per la piccola comunità: un'amica, una psicologa, una maestra, una madre e una nonna. Il tocco della scrittrice si vede un po' ovunque ma soprattutto mentre dipinge questo piccolo mondo a se stante in cui ancora si lasciano aperte le porte di casa e i vicini ti lasciano bigliettini di condoglianze/congratulazioni sulla porta. 

La storia è divertente e particolare, ma per una volta devo dire che mi è mancato qualcosa. Mi è mancato quel tocco speciale di mistero che ho invece trovato nelle precedenti letture, tocco che se vogliamo è quasi una cosa in più, non è fondamentale nel racconto, ma rende comunque più spezzato il tutto. Ecco qui non c'è, anche se troviamo un'idea quasi paranormale che mi ha fatto tanto ridere. Brava la cara Flagg, che ha sempre e comunque la capacità di stupirci pur raccontando una storia che ha il sapore di una volta.

Indiscussa protagonista è la cara Elner. Fannie Flagg  mette in scena storie con tanti personaggi, incroci familiari, amici di amici, parenti di amici, tanta gente si muove in queste cittadine dal carattere sonnacchioso, ognuno con un suo ruolo e una sua voce. Non c'è confusione, nessuno sembra un di più. Tuttavia c'è sempre una vera protagonista, una voce più forte delle altre, qualcuno che da il vero significato alla storia. Ebbene qui è proprio Elner, la splendida e speciale Elner, che sembra non fermarsi mai, curiosa e arguta. Elner è la nonna che tutti vorremmo, che prepara la marmellata e guarda il Discovery Channel, che ama tutte le creature che la circondano ma che non si tira indietro quando c'è da difendere qualcuno. E' un personaggio positivo, allegro, mai scontato, con qualche rotella fuori posto ma assolutamente meravigliosa.

Voto

Alla prossima


La Biblioteca di Eliza
La Biblioteca di Eliza

Laura 35 anni. Blogger. Italy♥ Datemi un libro, un thè e una giornata piovosa, mi farete felice. Ogni libro è un'avventura incredibile e io voglio viverla! Voi no?

12 commenti:

  1. Io voglio altri millemila libri della Flagg. Che si fa?

    RispondiElimina
  2. Ciao! :) Complimenti per la recensione! :) Non sono ancora riuscita a leggere nulla di questa autrice (lo so, è una vergogna!!) ma spero di riuscire a rimediare presto. Ho sempre letto ottime cose su di lei e tutti i suoi libri in cui mi sono imbattuta sembravano molto promettenti... rimedierò al più presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io all'inizio non ero molto convinta di iniziare i suoi libri, poi ho letto Voli acrobatici e mi sono appassionata:)

      Elimina
  3. Anch'io non ho mai letto niente di quest'autrice mi sa che devo rimediare, quando??? Questo lo ignoro purtroppo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà anche il suo momento!

      Elimina
  4. Ne conservo un positivo ricordo. Lo lessi qualche anno fa, proprio nel periodo estivo... Carino.

    RispondiElimina
  5. Ciao Laura,
    capisco esattamente cosa intendi quando scrivi che ti è mancato qualcosa, eppure nonostante questo la Flagg è sempre intimamente la Flagg. Le telefonate mattutine di zia Elner a Norma mi hanno fatta (scusa la finezza) scompisciare. Una settimana fa ho terminato In piedi sull'arcobaleno e ho trovato che invece ci fosse qualcosa di troppo, ma anche nell'imperfezione di alcuni passaggi resta un'autrice unica. C'è bisogno di sentire odore di torta appena sfornata nell'aria, di persone gentili, di Zie Elner che con garbo mettono in forse ogni certezza.
    Tengo per il periodo di Natale il suo ultimo libro Mr Zuppa Campbell, sperando che presto traducano il suo ultimo romanzo.
    Buona notte da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me per fortuna ne mancano ancora diversi da leggere. Però è vero, anche con delle piccole pecche la Flagg è la Flagg e con lei ti senti sempre al posto giusto!

      Elimina
  6. Ciao Eliza!!
    Questa è un'autrice che devo proprio recuperare perchè ormai la vedo ovunque!
    E queste copertine??? semplicemente stupende e ultra colorate!! :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belle vero? Invece sia quelle delle edizioni americane che le cartonate italiane sono banali. Per una volta mi piace aspettare l'economica :)

      Elimina

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^